Doohan e Bayliss, primi successi per i figli d’arte. Jack re in F3, Oli si sblocca in Australia

Doohan e Bayliss, primi successi per i figli d’arte. Jack re in F3, Oli si sblocca in Australia

Giovani, australiani e figli d’arte. Questi sono i punti in comune di alcuni protagonisti dell’ultimo fine settimana motoristico. I successi di Remy Gardner in Moto2 fanno meno notizia, dato che il figlio di Wayne, campione in 500 nel 1988, è destinato a salire di categoria. Meno attesi erano gli acuti di Jack Doohan e Oli Bayliss. Il primo è l’erede di Mick, dominatore della top class negli anni ‘90, mentre il secondo sogna di emulare le imprese di papà Troy, fuoriclasse del Mondiale Superbike.

SBLOCCATI

—   Un altro punto in comune che lega i giovani Doohan e Bayliss è anche la conquista del primo successo nelle rispettive categorie, ossia Formula 3 e Superbike australiana. In ordine di tempo, il primo a sbloccarsi è stato Oli, che si è imposto nel terzo round disputato sulla pista di Hidden Valley, a Darwin. Piccola curiosità: una delle ultime vittorie di papà Troy era arrivata proprio su questo circuito.

CRESCITA

—   Oli era reduce da un discreto avvio stagionale, ma non aveva mai lasciato il segno. Nel weekend, però, il diciassettenne è cresciuto nettamente. Secondo in gara 1, quarto in gara 2 e finalmente vincente in sella alla Ducati. Battuti Wayne Maxwell e Glenn Allerton. Ora Bayliss è al quinto posto nella classifica piloti con 87 punti.

BUON SANGUE

—   Jack Doohan, invece, si è imposto in F3 al Paul Ricard, sullo stesso tracciato in cui, 25 anni fa, papà Mick aveva alzato l’ennesimo trofeo. Scattato dalla quarta posizione, l’australiano classe 2003 si è rivelato inarrestabile nella terza e ultima gara del fine settimana sul circuito francese. Su una pista prima bagnata e poi asciutta, il figlio di Mick è cresciuto in termini di ritmo, cogliendo la sua prima vittoria davanti a Dennis Hauger e Caio Collet. Insomma, è proprio il caso di dire che buon sangue non mente.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Auto/23-06-2021/doohan-bayliss-primi-successi-figli-d-arte-4102170293484.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: