MotoGP, uragano Quartararo: ecco come si allena il fenomeno francese

MotoGP, uragano Quartararo: ecco come si allena il fenomeno francese

In tre anni è diventato una delle stelle più luminose della MotoGP. Fabio Quartararo ha bruciato le tappe nel suo breve percorso in top class: quinto al primo anno, solo ottavo nella seconda stagione, ma con le prime tre vittorie nella massima categoria. Ora, invece, il pilota Yamaha sembra quasi imbattibile e, a parte nella sfortunata gara di Jerez, è sempre finito in top 5. Un ruolino di marcia degno di un aspirante al trono iridato. Ma come organizza la sua preparazione il francese classe 1999? Nella sua routine c’è tanta moto, ma non mancano le sorprese.

PRATICA CONTINUA

—   Come gli altri colleghi, Quartararo non smette di impiegare le due ruote motorizzate anche quando non gareggia. In parte per allenare la capacità di valutare rapidamente e correttamente ogni comportamento della moto in qualsiasi situazione; in parte per mantenere sempre tonico il proprio corpo. Fabio gira in pista con una moto stradale, ma fa anche ricorso al cross e al trial, soprattutto durante la pausa invernale. Dal punto di vista fisico, questo allenamento è importante per stimolare muscoli non sollecitabili in maniera analoga. Deltoidi, tricipiti e bicipiti vengono messi a dura prova sia dalla guida su un circuito asfaltato che su un tracciato sterrato.

ROUTINE

—   Durante un’intervista rilasciata al canale ufficiale MotoGP, Quartararo ha parlato anche del suo allenamento quotidiano, all’infuori delle moto: “All’80%, la mia preparazione è incentrata sul cardio”. Fabio ha spiegato come suddivide la sua routine: “Ho due o tre tipologie di allenamento al giorno. Una per il mattino, una per il pomeriggio e a volte anche per la sera, quando magari faccio ciclismo davanti alla TV. In generale do spazio al cardio. A volte faccio ciclismo e corsa”. Sui social, effettivamente, non mancano foto o storie Instagram, in cui Quartararo appare intento a correre: “Di solito faccio running per un’ora e poi passo alla bicicletta”. Insomma, instancabile.

DIFETTO

—   Sempre nella stessa intervista, Fabio ha anche spiegato qual è un punto debole del suo allenamento: “Sono un disastro nello stretching”. Un problema se si considera alle sollecitazioni a cui viene sottoposto il corpo di un pilota. Il pilota Yamaha, però, non si risparmia certo negli esercizi fisici: “Dopo corsa e bici, spesso lavoro sugli addominali o sulle spalle. Magari per un giorno mi focalizzo su quello e poi focalizzo sulle gambe per esempio”. Non manca l’allenamento in palestra. A giudicare dai social, sono due gli esercizi più praticati: il sollevamento dei pesi e il salto con la corda, realizzato seguendo varie sequenze.

PASSIONE

—   Anche gli altri sport possono diventare utili per allenarsi. Fabio ha sposato la causa di una nuova disciplina, diventandone addirittura brand ambassador: l’e-surf, ossia il surf elettrico. La tavola con la batteria permette di realizzare acrobazie e salti tra le onde. Per chiunque voglia cimentarsi in questo esercizio, servono un gran senso dell’equilibrio e riflessi felici. Esattamente ciò di cui dispone Quartararo e un ulteriore allenamento per continuare il suo assalto al trono MotoGP.

Fonte: https://www.gazzetta.it/fitness/allenamento/05-06-2021/motogp-quartararo-ecco-come-si-allena-fenomeno-francese-4101525809504.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: