Alex Marquez cambia mezzo: pieghe e divertimento con una macchina pulitrice

Alex Marquez cambia mezzo: pieghe e divertimento con una macchina pulitrice

Dal cross sullo sterrato ai giri in pista con moto di serie. Guardando la loro preparazione, è proprio il caso di dirlo: i piloti di MotoGP sono tali sempre, non solo durante le gare. E poi ci sono anche quelli che non riescono a togliersi casco e guanti nemmeno quando devono fare le pulizie domestiche. Questa sembra la situazione di Alex Marquez. Il fratello minore di Marc si è reso protagonista di uno spot davvero originale realizzato per uno dei marchi che lo sponsorizzano.

ALEX MARQUEZ SCATENATO

—   Il pilota del team Lcr ha postato il video sul proprio profilo Instagram. Nella clip, lo spagnolo classe 1996 entra nel proprio garage, notando la polvere presente sul pavimento dopo aver fatto motocross. E allora ecco la soluzione: il top rider si è messo al volante di una macchina pulitrice su tre ruote indossando guanti e casco, come se fosse in sella alla Honda in un weekend di gara. Addirittura, per non farsi mancare nulla, il minore dei fratelli Marquez ha anche imitato la piega su due ruote, sporgendosi con il busto leggermente in fuori. E poi giù rannicchiato, riprendendo la posizione assunta abitualmente in rettilineo dal pilota per essere più aerodinamico.

DIVERTIMENTO

—   La gag è stata apprezzata dallo stesso Alex, che ha ammesso via Instagram: “Le pulizie non sono mai state così divertenti”. Tra i tanti commenti c’è anche quello del fratello Marc, con tre emoji sorridenti. Per Marquez Jr è sicuramente un modo per non perdere il buonumore in una stagione piuttosto complicata, con un sesto posto come miglior risultato dell’anno fino a questo punto.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/10-10-2021/motogp-alex-marquez-cambia-mezzo-pieghe-divertimento-una-macchina-pulitrice-4201706812908.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: