Covid, morto l’ex pilota Lis. No-vax pentito, l’ultimo messaggio alla sorella: “Un errore non vaccinarmi”

Covid, morto l’ex pilota Lis. No-vax pentito, l’ultimo messaggio alla sorella: “Un errore non vaccinarmi”

Dall’amata pista, con il suono dei motori rombanti, alla terapia intensiva. L’ospedale La Fe di Valencia è stata l’ultima tappa della vita di Jorge Lis, ex pilota di 46 anni. Fatali le complicazioni sorte dopo aver contratto il Covid a fine luglio. La sua battaglia è durata 45 giorni. Nonostante i tentativi disperati compiuti dai medici per provare a frenare l’aggravamento clinico, martedì 7 settembre, nel pomeriggio, Jorge si è arreso contro quel virus che prima aveva negato e poi lo aveva spinto a pentirsi per la sua posizione no vax.

CONTRARIO

—   Lis amava i motori. Era stato vicecampione in Spagna nella 125 nel

  1. Poi il ritiro nel 2002 e l’inizio dell’attività da allenatore e manager. Aveva guidato Bernat Martinez fino alla sua scomparsa a Laguna Seca sei anni fa e tuttora seguiva il sudafricano Steven Odendaal nel Mondiale Supersport. Negli ultimi tempi, la sorella Elena aveva rivelato attraverso interviste e una lettera ai giornali spagnoli l’appoggio di Lis nei confronti delle posizioni negazioniste, al punto da sconsigliare la vaccinazione contro il Covid ai suoi famigliari. Un approccio maturato tra le fake news sui social e l’esperienza negli Stati Uniti, con posizioni vicine a quelle dell’ex presidente Donald Trump. Poi il pentimento da parte di Jorge.

PENTIMENTO

—   Infatti poco prima di essere ricoverato, Lis aveva confessato alla sorella di aver sbagliato, come dimostra un messaggio inviatole il 13 luglio: “In questa settimana ho sperimentato una delle mie più grandi lezioni di vita. Passare molto tempo sui social mi aveva radicalizzato eccessivamente. Mi sarei dovuto vaccinare”. Poi la rapida escalation che ha portato Jorge all’ospedale e poi al tragico epilogo.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/08-09-2021/covid-morto-jorge-lis-no-vax-pentito-4201093599003.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: