Dall’Igna lancia la sfida: “Nel 2022 Ducati da Mondiale Piloti”

Dall’Igna lancia la sfida: “Nel 2022 Ducati da Mondiale Piloti”

“Siamo contenti, il Mondiale Costruttori di MotoGP è sempre importante per un’azienda come Ducati. Questo Mondiale 2021 è un po’ più normale e regolare rispetto a quello vinto l’anno scorso, quindi un po’ più importante”. Lo ha detto Luigi Dall’Igna, direttore generale Ducati Corse, a Radio Sportiva, dopo la vittoria del team nella classifica Costruttori 2021. Sulla crescita del team, ha aggiunto: “Il merito di questi risultati è dei nostri bravissimi piloti e di una moto che si adatta a stili di guida differenti. Anno dopo anno abbiamo cercato di ridurre i difetti segnalati dai piloti e creato un mezzo più efficace e efficiente in differenti condizioni. Onestamente ci manca ancora qualcosa, è lì che ci apprestiamo a migliorare nel periodo invernale, speriamo di riuscirci”.

DUCATI E PILOTI, OBIETTIVO 2022

—   Sul titolo Piloti che continua a sfuggire, Dall’Igna ha dichiarato: “Quest’anno abbiamo cambiato tutta la line-up dei nostri piloti, era difficile puntare al risultato importante. Anche se, col senno di poi, ci siamo arrivati molto vicini. Usciamo rafforzati e convinti da questa stagione, possiamo giocare da protagonisti tutte le gare e puntare dal prossimo anno al titolo più importante”. Su Bagnaia pilota di punta nel 2022. “Come sempre una squadra parte senza gerarchie, queste si instaurano da sole in corso. È chiaro che Pecco Bagnaia sta giocando un ruolo da protagonista e merita le attenzioni della squadra”, ha replicato.

DUCATI E LE 8 MOTO 2022

—   L’anno prossimo Ducati avrà quattro team in MotoGP: ufficiale, Pramac, VR46 e Gresini. Con otto piloti: Bagnaia-Miller, Martin-Zarco, Marini-Bezzecchi (probabile) e Bastianini-Di Giannantonio. A proposito di questa prospettiva, Dall’Igna ha concluso: “I nostri team sono molto contenti su come ci approcciamo nella gestione sia tecnica che sportiva delle moto e dei piloti. Per noi avere più team è importante, c’è un aspetto economico da considerare, ma da un punto di vista sportivo ci permette di far crescere nuovi talenti, vedi l’esempio di Bagnaia, e da un punto di vista tecnico ci consente di sviluppare una moto il più polivalente possibile, per questo ci servono tante informazioni diverse per migliorare la qualità del nostro lavoro”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/08-11-2021/motogp-ducati-gigi-dall-igna-nel-2022-possiamo-puntare-mondiale-piloti-4202296918243.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: