Dovizioso sconsolato: “Peggio di 7 giorni fa: altri cresciuti, Ducati no”

Dovizioso sconsolato: “Peggio di 7 giorni fa: altri cresciuti, Ducati no”

IL FORLIVESE DOPO IL 18° NELLE LIBERE2: “IL VENTO NON HA AIUTATO, MA IL GAP È TROPPO GRANDE: POSSIAMO LOTTARE PER LA TOP-10, MA IL NOSTRO OBIETTIVO È DI STARE AL TOP E NON ABBIAMO IL FEELING”

È un Andrea Dovizioso sconsolato quello che parla dopo la modesta prestazione nelle Libere del GP di teruel che lui ha chiuso con un 18° posto al pomeriggio. Prestazione opaca che avvolge la Ducati nel suo complesso, con tutte le Desmosedici fuori dai dieci. “Non siamo andati dietro noi, sono gli altri a essere migliorati”, dice il forlivese.

IL VENTO

  Il vento non ha aiutato le Ducati e Dovizioso lo spiega: “Le cose sono andate in direzione opposta, il vento non ci ha aiutato e tutte le Ducati soffrono, mentre ad esempio le Honda sono più a posto, con un passo migliore di tutti. Ho avuto anche dei problemi nel pomeriggio e non usato la gomma morbida, come Miller e Bagnaia, ma il gap è comunque troppo forte, anche se credo che potremo lottare per entrare in Q2. Il punto, però è che il nostro obiettivo è di lottare al top, non per la top-10 e per farlo dobbiamo migliorare la velocità”.

UMORE E FEELING

  Le prospettive appaiono meno confortanti dello scorso weekend: “Va peggio della scorsa settimana - taglia corto Dovi -, vediamo se cambierà qualcosa per sabato perché sappiamo che possiamo fare meglio, ma il gap a livello di passo è molto grande. L’umore del momento non aiuta, ma purtroppo ci sono abituato e si deve stare calmi: puoi anche provare a liberare la testa, ma il problema non è che ti fai troppi pensieri in testa, è il feeling con la moto che non va, che non ti fa frenare in modo aggressivo, né sfruttare la gomma, né sentirti a posto”.

PETRUCCI

  Danilo Petrucci conferma la disanima: “Non abbiamo risolto i problemi che abbiamo e forse ce li terremo - dice il ternano -. Sembra una situazione simile a quella di Brno, con un asfalto vecchio e con poco grip: noi così non riusciamo a sfruttare bene la gomma dietro e fatichiamo. Il margine di progresso che speravamo di avere sugli altri non si è visto”.

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: