Jarvis rivela: “L’erede di Valentino? Esiste già…”

Jarvis rivela: “L’erede di Valentino? Esiste già…”

Archiviati i festeggiamenti per il titolo di Fabio Quartararo, la MotoGP torna a concentrarsi sull’addio di Valentino Rossi. Portimao prima e Valencia poi scriveranno il finale di una carriera memorabile, con nove titoli iridati. Un piccolo grande dilemma già agita gli appassionati del Motomondiale: esiste un erede della leggenda italiana? C’è qualche pilota capace di replicare almeno in parte la magia del campione pesarese? Lin Jarvis, managing director di Yamaha, sembra avere le idee chiare a riguardo.

SOMIGLIANZA

—   Il dirigente del team factory di Iwata in MotoGP ha trovato alcuni punti in comune tra Rossi e Quartararo, come spiegano le sue dichiarazioni riportate dal portale tedesco Speedweek: “La forza mentale di Fabio ci ha davvero impressionato. Non ha lasciato nulla di intentato e ha resistito alla pressione di una possibile vittoria del campionato in modo eccezionale. Ha una voglia instancabile di vincere. Allo stesso tempo si diverte sempre in moto. Due qualità che la squadra non vedeva al suo apice dai tempi di Valentino”.

SUCCESSO

—   Per Jarvis, Quartararo rappresenta una scommessa vinta: “Quando abbiamo portato Fabio in questa squadra per il 2021, eravamo convinti del suo talento. Ci sono stati alcuni cambiamenti per lui prima della stagione. Ha dovuto abituarsi al team e allo stesso tempo affrontare la maggiore pressione mediatica come pilota ufficiale. Ma Fabio ha gestito perfettamente questa situazione”. Non sono mancati i momenti difficili: “L’infortunio a Jerez (indurimento del braccio destro per la sindrome compartimentale ndr.) è stato duro da accettare. L’incidente avrebbe potuto lasciare il segno mentalmente, ma non lo ha infastidito minimamente”. Una svolta che ha portato il francese dritto al titolo.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/03-11-2021/motogp-lin-jarvis-parla-dell-erede-valentino-rossi-yamaha-4202189611587.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: