Rossi, futuro a quattro ruote: stop con le moto, correrà in sella al Cavallino

Rossi, futuro a quattro ruote: stop con le moto, correrà in sella al Cavallino

Il Ring è una cosa loro. O meglio, negli ultimi 7 anni in classe regina - non contando il 2020 quando qui non si è corso - da queste parti il Kaiser incontrastato è stato uno e solo uno, Marc Marquez. Ma adesso che Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa hanno appeso il casco al chiodo, l’unico altro pilota della MotoGP ancora in attività che può vantarsi di avere vinto almeno una volta in questo toboga realizzato tra i saliscendi della Sassonia, è Valentino Rossi. Che dopo avere rotto il ghiaccio nel 1999 con l’Aprilia in 250, in Germania ha trionfato nel 2002 (gran battaglia a quattro con Max Biaggi, Alex Barros e Olivier Jacque, con gli ultimi due out dopo uno scontro nel finale); nel 2005, nel giorno dell’aggancio a quota 76 vittorie di Mike “The Bike” Hailwood; quindi nel 2006, all’indomani della vittoria dell’Italia nel Mondiale tedesco festeggiata indossando nel giro d’onore la maglia di Marco Materazzi; e infine nel 2009, la terza consecutiva di una sfida sul filo dei centesimi ma soprattutto dei nervi con Jorge Lorenzo, che gli spalancò la strada verso il 9° Mondiale. Così, anche se per Valentino questa non è mai stata una delle piste preferite, negli anni d’oro non è sicuramente stata una delle peggiori.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/18-06-2021/valentino-rossi-futuro-2022-smette-la-motogp-fara-wec-la-ferrari-4102079418657.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: