Rossi-Marquez 2015, Vale: “Ci penso ancora“. Il capotecnico di Marc: “Prima o poi uscirà un libro”

Rossi-Marquez 2015, Vale:  “Ci penso ancora“. Il capotecnico di Marc: “Prima o poi uscirà un libro”

Dalle esultanze scherzose alla guerra in pista e fuori. “C’eravamo tanto amati”, potrebbero dire in coro Valentino Rossi e Marc Marquez, riavvolgendo il nastro dei loro ricordi. Il titolo del celebre film del 1974 sarebbe indicativo per raccontare la fine dell’amicizia tra l’italiano e lo spagnolo nel 2015, quando il Dottore accusò il rivale di favorire in corsa Jorge Lorenzo, suo rivale nella lotta per il titolo iridato.

CASUS BELLI

—   La “guerra” scoppiò nella conferenza stampa precedente le prove libere di Sepang, in Malesia, penultimo atto del Mondiale. ROSSI , reduce dal quarto posto in Australia, attaccò senza mezze misure MARQUEZdefinendolo “tifoso di Lorenzo” per la condotta adottata nell’ultimo GP. Lo spagnolo della Honda aveva vinto battendo proprio il connazionale, ma, secondo Valentino, durante il GP avrebbe ostacolato il suo tentativo di rimonta. Marc non replicò alle accuse. In pista, però, la guerra deflagrò apertamente con un duello tra i due terminato con un contatto e la caduta dello spagnolo provocata dall’italiano. Da qui la penalità inflitta a Rossi, partito ultimo a Valencia, che costò di fatto il titolo, andato a Jorge Lorenzo.

RICORDO

—   Dopo quell’episodio ci sono state due timide aperture, a Barcellona nel 2016 e a Rio Hondo nel 2019, con strette di mano tra i contendenti. Nel mezzo anche le polemiche per un altro contatto, in Argentina, quando la rimonta senza freni di Marquez abbatté Valentino. L’ostilità è diventata il tema dell’ultimo episodio della serie di Dazn Spagna “Route 46-Route 93, il cammino di due miti”. Rossi non dimentica i fatti di Sepang: “Penso molto al

  1. La mia sensazione è la stessa di quella domenica dopo la gara, anche se sono passati cinque anni. Quindi penso che sarà sempre così”. Gli fa eco il team manager della Yamaha Lin Jarvis: “Ho dei ricordi ben precisi di quegli attimi. E non sono assolutamente piacevoli”.

VERRÀ FUORI UN LIBRO

—   In casa Honda ci sono meno commenti sui fatti di Sepang e Valencia. Spiccano, invece le parole dello storico capotecnico di Marquez, Santi Hernandez: “Di tutto questo si parlerà ancora quando ci saremo tutti ritirati e qualcuno tirerà fuori un libro. Lì le verità saranno rivelate”. Insomma, bisogna attendere ancora per avere ulteriori dettagli su un folle weekend, rimasto nella storia della MotoGP.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/18-02-2021/valentino-rossi-marquez-2015-hernandez-libro-400789179860.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: