Toprak Razgatlioglu: talento e follia da fuoriclasse. Ecco chi è il turco della Sbk

Toprak Razgatlioglu: talento  e follia da fuoriclasse. Ecco chi è il turco della Sbk

Negli ultimi sei anni il mondiale Superbike è stato dominato da Jonathan Rea e la sua Kawasaki. Ora tra i pretendenti al trono risuona il nome del pilota turco numero 54 della Yamaha che, a soli 24 anni e alla quarta stagione in top class delle derivate di serie, è uno dei guastafeste del (quasi) invincibile inglese sulla Ninja. Cresciuto sotto l’ala del pluricampione della Supersport 600, Kenan Sofuoglu, è conosciuto da molti per i suoi risultati sportivi, da altri per i suoi infiniti “stoppie” e da altri ancora per la sua innata follia da vero atleta Red Bull. Ma chi è Toprak Razgatlioglu?

LA BIOGRAFIA

—   Classe 1996, Toprak guida la sua prima moto all’età di cinque anni e successivamente vince alcuni titoli nel campionato nazionale Motocross. A soli 13 anni corre la sua prima gara in sella a una 600 cc e dal 2011 inizia la sua carriera a livello europeo nella Yamaha R6 Dunlop Cup. Due anni dopo, con il numero 54, debutta nella Red Bull Rookies Cup e nel 2014 al Sachsenring sale sul gradino più alto del podio della categoria del Motomondiale dedicata ai giovanissimi talenti. Nella stessa stagione partecipa anche all’ultimo round della Superstock 600 a Magny-Cours, che vince per pochi decimi sul francese Dumont. Nonostante il viso “da bravo ragazzo”, il turco sorprende per grinta e tenacia in gara: nel 2015 debutta nell’Europeo Superstock 600, che vince nello stesso anno. Il passaggio alla Stk 1000 è d’obbligo e in sella a una Kawasaki Ninja ZX-10R affila le unghie prima di sfiorare il titolo nel 2017, dopo un’agguerritissima stagione con Michael Ruben Rinaldi. Dal 2018 inizia la carriera in Sbk con il team Puccetti, con cui ha corso negli ultimi anni Kenan: nonostante la Kawasaki clienti, conquista subito due podi e si dimostra molto veloce È suo il titolo di Rookie dell’anno e nel 2019, con la stessa squadra, vince due gare in Francia, diventando il primo turco a trionfare in Sbk. Nel 2020 viene preso dal team ufficiale Yamaha, con cui riesce a portare a casa ottimi risultati e a fine anno è 4°.

KNN 54 RIDER CON MAESTRO SOFUOGLU

—   I successi iridati di Kenan hanno dato vita a un vero e proprio movimento di piloti turchi ispirati dal connazionale Campione del Mondo. Tra questi anche Toprak, che per primo ha attirato l’attenzione di Sofuoglu. Allievo e maestro, in pista come a casa, dove i due si allenano tutt’oggi insieme per migliorare la guida e la sensibilità. All’interno del piccolo e tortuoso circuito privato a Sakarya, accompagnati dall’arrivo di nuovi talenti come Can e Deniz Öncü o Bahattin Sofuoglu (nipote di Kenan), si giocano grandi sfide con Supersport 300, motard, kart, trial e anche stunt show. Come Valentino Rossi con la VR46 Academy, Kenan Sofuoglu ha dato vita alla Knn54 Rider per formare i piloti turchi e oggi, sul campo di gara, Toprak Razgatlioglu è il riferimento dei porta colori della bandiera rossa con luna e stella a cinque punte.

TALENTO STRAVAGANTE

—   In abiti civili Toprak appare come un normalissimo e tranquillo ragazzo, dall’anima docile, non troppo basso e abbastanza smilzo. Ma quando si infila il casco, il turco si mostra per il pilota che è. Fin dalle sue prime gare in Superstock 600, si è sempre dimostrato veloce e aggressivo, ma soprattutto con un coraggio e un controllo del mezzo ben superiore ai suoi avversari. Nel circus del motorsport è famoso per le lunghe frenate in monoruota in pit lane, tanto che, terminate le sessioni di test, tutti i meccanici dei team escono dal box per filmarlo e applaudirlo (e anche Jack Miller ha provato a sfidarlo). Quando invece si parla di fare sul serio, questa sensibilità sulla leva destra fa la differenza nell’inserimento di curva: infatti, Razgatlioglu riesce a piegare con la ruota posteriore che galleggia, regalando slow motion mozzafiato e lasciando a bocca aperta anche i più veloci della Superbike. Il turco è uno di quegli atleti che noi comuni mortali definiremmo “fuori di testa” e non a caso, come quello del suo folle mentore, il casco è completamente sponsorizzato Red Bull, che da sempre supporta gli sport estremi.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Moto/Superbike/15-06-2021/sbk-toprak-razgatlioglu-talento-esplosivo-follia-fuoriclasse-ecco-chi-turco-4101968740650.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: